GRUPPO ARCHEOLOGICO MILANESE
OdV

GAM

Campo di scavo a Sellia Marina (CZ) 2024

Il gruppo Archeologico Milanese (GAM) parteciperà, insieme al Gruppo Archeologico Ionico (GAI),alla campagna di indagine e valorizzazione dei siti di località Chiaro, nel comune di Sellia Marina (CZ), sotto la direzione della Soprintendenza per i Beni Archeologici della Calabria.

Il progetto dell’estate 2024 prevede la manutenzione dell’area di scavo dell’edificio romano. Si procederà alla pulizia dei siti, al diserbo e al ripristino della staccionata. L’area di scavo verrà riportata alla luce e rilevata con le nuove strumentazioni a disposizione. Contestualmente si procederà al lavaggio e ad un primo studio dei reperti provenienti dalle precedenti campagne scavo, in prevalenza resti di anfore e di grossi contenitori. L’attività potrà prevedere anche lo scavo di nuove parti dei siti mai indagate in precedenza, una volta completato l’iter formale della richiesta di concessione di scavo presso il Ministero, che è già stata presentata.

Il sito
Nei primi mesi del 2006, durante la posa di un metanodotto in località Chiaro di Sellia Marina, sono emerse in più aree rilevanti emergenze archeologiche. All’estremità sud dell’attuale tracciato del metanodotto è stata scoperta un’area produttiva di fornaci che sembra aver prodotto ceramica da cucina (piatti e pentole), mentre la ceramica rinvenuta nei livelli di abbandono, insieme ad una moneta in bronzo brettia la datano ad epoca ellenistica (III sec. a.C.). Circa 400 metri più a nord è stata invece messa in luce parte di una necropoli. Ad oggi sono state individuate numerose tombe del tipo a cassa, con diverso orientamento, in muratura di mattoni e pietrame cementati con malta e fondo in tegoloni. I resti scheletrici conservati all’interno si presentano in buona parte sconnessi da rimaneggiamenti successivi alle deposizioni. I frammenti ceramici appartenenti al corredo datano l’insieme ad epoca altomedievale (VI-VII sec. d.C.). Inoltre sono stati ritrovati i resti di un edificio romano.

Non è necessario avere un’esperienza precedente in ambito archeologico per partecipare alle attività del campo, ma i volontari devono essere disposti a lavorare e imparare! Il campo di scavo é aperto ai volontari dai 18 anni in su. La maggior parte dei partecipanti ha dai 18 ai 25 anni.

DATE DEL SOGGIORNO

Primo turno: 7 luglio – 20 luglio
Secondo turno: 21 luglio – 3 agosto

Terzo turno: 4 agosto – 17 agosto
Il costo per ogni turno è di 500 euro.

Sistemazione: l’alloggio sarà in una scuola del luogo, con camere, bagni e docce in comune. Pranzo e cena con cucina (ottima) gestita dal gruppo organizzatore.
La stazione ferroviaria di arrivo è quella di Catanzaro Lido, mentre l’aeroporto è quello di Lamezia Terme. All’arrivo, i membri dello staff verranno a prendere i partecipanti.
L’orario di lavoro va dalle ore 8.00 alle ore 14.00, con una pausa a metà mattina. Il pomeriggio si trascorre al mare e nel week-end sono previste visite presso alcuni dei siti di maggiore interesse del comprensorio. Per ogni turno il numero massimo di partecipanti sarà di 25.

Per i soci del GAM, versando l’intera quota di iscrizione allo scavo in un’unica soluzione, è previsto uno sconto del 10%!

Per informazioni scrivere a info@archeomilanese.eu all’attenzione di Federico Colombo

Ultimi articoli

Condividi questo articolo